Vasco Rossi: Un mondo migliore, nuovo singolo

Uscirà tra dieci giorni, precisamente il prossimo 14 ottobre, il nuovo singolo di Vasco Rossi, primo dei 4 annunciati, Un mondo migliore. Lo stesso Vasco, attraverso la sua pagina Facebook, ha postato nei giorni scorsi piccoli estratti del brano (“sai… essere libero costa soltanto qualche rimpianto…“) che hanno già fatto capire, a grandi linee, che nel brano si rifletterà sulla vita, sul tempo che passa e sulle consapevolezze che cambiano. Del singolo è stato girato un video, anche quello disponibile dal 14, ideato e diretto da Pepsy RomanoffAmbientato in Puglia, con la straordinaria partecipazione dell’attore Vinicio Marchioni (il “freddo” di Romanzo Criminale), così il video viene raccontato dallo stesso regista. “La straordinaria partecipazione di Vinicio Marchioni e le suggestive location proposte dalla Daunia production, di chiara ispirazione western, hanno creato il mood per un piccolo corto musicale dove lo stesso Vasco è protagonista assoluto e chiave di svolta della storia. Il “limbo” in cui Vasco resta bloccato è la fantastica Cava di Marmo che ci ha dato modo di creare un ponte spazio tempo davvero unico, raccontato da terra e cielo grazie a due droni cinematografici. Infine, grazie all’autorità portuale di Manfredonia abbiamo potuto riscoprire un paesaggio industriale che ci ha permesso di  enfatizzare, con effetti speciali,  il finale del video.”

Notizia di oggi, il singolo, così come gli altri 3 che usciranno prima di Natale, farà parte di un’antologia  storica, circa 70 canzoni tratte dai 17 album di studio, dal primo Ma cosa vuoi che sia una canzone a Sono Innocente. A breve, infine, verranno messi in vendita i biglietti per la grande festa del 1 luglio 2017, quando Vasco celebrerà a Modena, insieme a migliaia di fan, i suoi primi 40 anni in musica.

Vasco Rossi: il “freddo” per un mondo migliore

foto da https://www.facebook.com/vascorossi

foto da https://www.facebook.com/vascorossi

Con una delle sue solite “anteprime abusive” su facebook, Vasco Rossi ha svelato il titolo del primo dei 4 brani inediti che usciranno entro la fine dell’anno: Un mondo migliore. Non solo: ha anche pubblicato una serie di scatti che lo ritraggono insieme a Vinicio Marchioni, il “freddo” di Romanzo Criminale, coprotagonista insieme a Vasco del video, che è stato girato in Puglia. Qui sotto, il comunicato ufficiale del suo ufficio stampa, Tania Sachs.

IL COMUNICATO UFFICIALE DI TANIA SACHS

Si intitola “Un mondo migliore” il primo dei 4 brani inediti che usciranno entro la fine di quest’anno.
Lo ha svelato sulla sua pagina di facebook Vasco, impegnato in questi giorni a girarne il video, per la regia di Pepsi Romanoff, in Puglia:
Tra le pale eoliche del Foggiano…(che vento!!) Maestose in mezzo ai campi, ..spazio..aria..colori..e via col vento..

E in una cava nei pressi di Apricena..”un non luogo” magico e intrigante,
altezza… vertigine… luce … spazio…. immenso… silenzio… vitale…
… liberi di volare… sensazioni forti…
L’ispirazione giusta per il video di “Un mondo migliore”, il cui tema principale (come in quasi tutte le canzoni di Vasco) è la vita e la libertà di viverla:

“essere libero

costa soltanto

qualche rimpianto”

L’ironia e la malinconia ne sono l’espressione, il mood tipico di Vasco, beffardo e malinconico, l’attrazione segreta delle sue migliori interpretazioni:

“tutto è possibile
perfino credere
che possa esistere
Un mondo migliore”

Questo è “Un mondo migliore” e molto altro, che ognuno farà suo. Sarà presto trasmesso per radio.
Procede all’insegna del numero 4 il 2016: dopo le 4 giornate di Vasco a Roma, stadio Olimpico (ribattezzato OlimpiKom) sono in arrivo i 4 inediti.

Qui un piccolo assaggio fotografico…dal set del video di “Un Mondo migliore”. Il protagonista del video, accanto a Vasco, è l’attore Vinicio Marchioni che tutti conosciamo e abbiamo apprezzato in Romanzo Criminale, lui era “Il Freddo”. Un onore e …un tocco di attesa in più per il video…

Tania Sachs

Nel frattempo, dopo la full immersion di questa estate con i 4 concerti romani, si stanno mettendo a punto i dettagli per la grande festa di Modena del prossimo anno, quando si celebreranno i primi 40 anni di carriera di Vasco. La location scelta è quella del parco Enzo Ferrari di Modena e i biglietti in vendita, presumibilmente entro l’anno, saranno circa 250 mila.

GUARDA IL VIDEO DE LO SHOW (LIVE KOM 016)

Festival di Sanremo: da Modugno a Springsteen… passando per Vasco

A poche ore dall’inizio della 60esima edizione, ci siamo domandati: cosa c’è stato di indimenticabile al Festival di Sanremo in tutti questi anni? Di sicuro, indimenticabile, a Sanremo può essere tutto o niente: dipende da chi lo guarda. Ma pur non volendo far parte di nessuna fazione (pro o contro il Festival) è indubbio che in 59 edizioni di momenti da ricordare per svariati motivi ce ne sono stati tanti. Ne abbiamo messi insieme alcuni…

Indimenticabile è senza dubbio Domenico Modugno che trionfa nel 1958 con la canzone Nel blu dipinto di blu, forse la canzone italiana più conosciuta all’estero (dove ha venduto, ricordiamo, qualcosa come 22 milioni di copie!)

GUARDA DOMENICO MODUGNO AL FESTIVAL DI SANREMO DEL 1958

Indimenticabile, purtroppo per altri motivi, l’edizione del 1967 quando Luigi Tenco, sembra per la delusione nel vedere la sua canzone Ciao Amore Ciao estromessa dalla finale, si suicida nella sua stanza d’albergo qualche ora dopo aver cantato per l’ultima volta.

Da ricordare l’edizione del 1971 e quella del 1972 per il passaggio di Lucio Dalla rispettivamente con 4/3/43 (terzo posto finale) e Piazza Grande. A proposito di Piazza Grande, in realtà la canzone inizialmente era destinata a Gianni Morandi, ma proprio Lucio si oppose e la spuntò. La canzone però si classificherà solo all’ottavo posto (a vincere sarà I Giorni dell’Arcobaleno di Nicola di Bari). Indimenticabile anche la presentazione di Mike Bongiorno.

GUARDA LUCIO DALLA AL FESTIVAL DI SANREMO DEL 1972

Saltando agli anni ottanta, sicuramente notevole il secondo passaggio di Vasco Rossi al Festival. Se nel 1982 aveva partecipato quasi per caso con Vado al Massimo, canzone orecchiabile e gradevole ma non in grado di lasciare il segno, nell’83 realizza forse il suo capolavoro portando sul palco del Festival la canzone simbolo di tutta la sua immensa discografia: Vita Spericolata. Per la cronaca, quell’edizione viene vinta da Tiziana Rivale con Sarà quel che sarà e Vita Spericolata si classifica penultima.

Vasco tornerà al Festival, questa volta in qualità di superospite, nel 2005 proponendo un accenno di Vita Spericolata e Un senso.

GUARDA VASCO ROSSI A SANREMO NEL 2005

A proposito di ospiti, incredibile ma vero, anche sua maestà Bruce Springsteen ha calcato le tavole dell’Ariston. Il suo passaggio è datato 1996 e la canzone proposta è la bellissima The Ghost of Tom Joad.

Per finire, piccola puntatina nel trash (che al Festival, bisogna ammetterlo, non è quasi mai mancato). Abbiamo scelto la fantastica pantomima dell’aspirante suicida che minaccia di buttarsi da una balaustra del Teatro Ariston e viene salvato, diciamo così, in extremis da Pippo Baudo. Siamo nel 1995 e il boom di ascolti, guarda un po’ i casi della vita, quell’anno fu notevole.

GUARDA IL SALVATAGGIO DELL’ASPIRANTE SUICIDA AL FESTIVAL DI SANREMO DEL 1995

Vasco Rossi: tutto pronto per l’esordio del Live Kom 2015

Vasco durante le prove del suo tour

Vasco durante le prove del suo tour

In una recente intervista al mensile Rolling Stone (ora in edicola), ha detto: “Io scrivo le canzoni per gioco, faccio i dischi per scherzo, poi salgo sul palco e faccio sul serio”. Sarà per questo che un tour di VASCO ROSSI ha il potere di rendere speciale un’estate. Un po’ come i mondiali per un appassionato di calcio. Con la differenza che qui non c’è né il rischio di annoiarsi né di vedere la propria squadra perdere. No, a un concerto di Vasco si esce sempre tutti vittoriosi.

Siamo qui per portarvi un po’ di gioia, urlava qualche tour fa Vasco dal palco. Missione compiuta da ormai più di trent’anni. Perché le canzoni di Vasco sono entrate nel nostro DNA, perché, come dice lui, andare a un suo concerto è un po’ come farsi psicanalizzare, è un po’  come scoprire che certe paure, certe insicurezze ce l’abbiamo in tanti e cantarcele addosso è già un buon modo per esorcizzarle.

Un palco a forma di astronave accoglierà Vasco e la sua band

Un palco a forma di astronave accoglierà Vasco e la sua band

E poi c’è l’aspetto spettacolare della faccenda. Vasco è uno che nei concerti ha sempre investito molto. A livello di strutture (anche quest’anno il palco si annuncia imponente) e, soprattutto, di band. Ha avuto la fortuna e la bravura di scegliere, negli anni, musicisti perfetti per il progetto. Stef Burns ne è l’esempio più eclatante. Ma anche le due new entry dello scorso anno, il batterista Will Hunt e il chitarrista Vince Pastano, hanno contribuito a dare nuova linfa vitale alle canzoni di Vasco. E poi c’è lui, il Komandante, che con coraggio ama rimettere sempre tutto in discussione (i suoni ai confini dell’heavy se li aspettavano in pochi, lo scorso anno), che non tradisce mai e che per non farsi trovare fisicamente impreparato da questa vera e propria maratona rock (14 date concentrate in poco più di un mese) accetta anche le odiate sedute di corsa giornaliera. Come al solito massima cura nella scelta della scaletta. “Ci saranno molti pezzi dell’album nuovo, quindi non sarà un concerto celebrativo: ci metterò anche il mio passato, ma con uno sguardo al futuro. Al Vasco di domani”.

A questo punto, con il palco montato allo stadio San Nicola di Bari, sede della prima data del LIVE KOM 2015, non ci rimane altro che aspettare domenica 7 giugno per vedere cos’altro avrà tirato fuori dal suo cilindro, o meglio, dal suo cappellino quel diavolo di un Vasco. Sicuri che, ancora una volta, sulle note di Albachiara ce ne andremo via un po’ più leggeri e molto, molto più felici di prima.

GUARDA IL VIDEO DELLE PROVE IN PUGLIA

LA BAND

Stef Burns, chitarra; Claudio Golinelli, basso; Vince Pastano, chitarra; Will Hunt, batteria; Alberto Rocchetti, tastiere; Frank Nemola, tromba e tastiere; Andrea Innesto, sax e cori; Clara Moroni, cori.

LE DATE

sito3