Rino Gaetano: Il cielo è sempre più blu, 40 anni dopo

rino gaetanoChissà se anche lui, come farà Francesco De Gregori per festeggiare Rimmel, avrebbe dedicato ai 40 anni di una delle sue canzoni più celebri, Ma il cielo è sempre più blu (1975), una bella festa sul palco. Forse sì, perché RINO GAETANO viveva per la musica ma soprattutto viveva per il pubblico. Un pubblico che quell’anno cantava la sua canzone ma, come ricordava lo stesso Rino in un’intervista a Ciao 2001, in alcuni casi non sapeva nemmeno chi fosse l’autore di quella canzone. Perché la notorietà, il grande successo, la popolarità sarebbero arrivati anni dopo.

Ma il cielo è sempre più blu raccontava storie di perdenti, di persone che muoiono sul posto di lavoro, di gente che vive in baracca, che si suda il salario in contrapposizione a quelli che rubano pensioni e cambiano la barca, felici e contenti. “Ci sono immagini tristi o inutili – raccontava ancora Rino al giornalista di Ciao 2001 – ma mai liete, in quanto ho voluto sottolineare che al giorno d’oggi di cose allegre ce ne sono poche ed è per questo che io prendo in considerazione chi muore al lavoro, chi vuole l’aumento. Anche il verso «chi gioca a Sanremo» è triste e negativo, perché chi gioca a Sanremo non pensa a chi «vive in baracca»”.

Come tante canzoni scritte da Rino anche questa non è mai passata di moda. Perché quello che scriveva Rino precorreva i tempi. Ecco perché, a distanza di anni dalla sua morte (1981) siamo ancora qui a cantare le sue canzoni. E a ricordarlo. In questo caso, proponendo il video di una sua apparizione televisiva, in cui esegue appunto la sua Ma il cielo è sempre più blu.

Black Sabbath: concerto di addio in Giappone

BlackSabbathCon un video (guarda) postato da Sharon Osbourne, moglie di Ozzy e organizzatrice della Ozzfest, i fan dei BLACK SABBATH ora conoscono data e luogo del concerto d’addio della mitica band: 21 e 22 novembre 2015 a Makuhari Messe, poco fuori Tokyo, nell’ambito della Ozzfest Japan. Queste, in sintesi, l’annuncio di Sharon: “Il concerto del 21 e 22 sarà quello d’addio dei Black Sabbath. All’evento parteciperanno anche i Korn. Non perdetelo“. Possibile anche che entro la fine dell’anno veda la luce l’album finale dei Black Sabbath, ma di questo ancora non si hanno conferme.

 

Kurt Cobain: il docu-film Montage of Heck nei cinema italiani

cobainmontageofheck-2L’attesa è stata lunga, ma finalmente arriva nei cinema italiani (28 e 29 aprile) il docu-film Cobain: montage of heck di Bret Morgen, presentato lo scorso gennaio al Sundance Film Festival di Park City.  Prodotto dalla figlia, Frances Bean Cobain, l’opera è un collage di video privati, interviste, foto inediti del leader dei Nirvana. Per conoscere la lista dei cinema che proietteranno il film, vai sulla pagina facebook della universal pictures.. https://www.facebook.com/universalpicturesinternationalitaly/app_1755757311317795?ref=page_internal .

Qui, il trailer sottotitolato.

Ligabue: il video di C’è sempre una canzone

Ligabue (foto di Jarno Iotti)

Ligabue (foto di Jarno Iotti)

In rotazione radiofonica e in video, il singolo di LIGABUE C’è sempre una canzone che anticipa l’album live (con 4 inediti) Giro del mondo. (in uscita il 14 aprile). Il video di C’è sempre una canzone  è una sorta di cartolina dal “giro del mondo” che anticipa i contenuti del dvd, in una girandola di immagini che raccontano la dimensione “epica” dei grandi stadi italiani, così come la prima volta di LIGABUE in Nord America, Sud America, Australia e Asia. Il videoclip è prodotto da G. Battista Tondo per Eventidigitali Films, regia e montaggio sono di Riccardo Guernieri, con le riprese di backstage di Jarno Iotti.

Vasco Rossi: Sono innocente ma… nuovo singolo e video

02Vasco_(c)chiaroscuroIn rotazione radiofonica il nuovo singolo di VASCO ROSSI Sono Innocente ma… e relativo video realizzato da Swan, regista di tutti i live di Rossi. Nel frattempo il cd, il più venduto del 2014 nonostante sia uscito a novembre, è al suo quinto disco di platino. Un disco che probabilmente sarà suonato in gran parte nei live, attesissimi, che ci accompagneranno per tutta l’estate. “In questo momento – ha detto Vasco – sto preparando il tour e non penso che a questo“. Un tour “porta a porta”, nel senso che Vasco è tornato ad attraversare veramente tutta l’Italia, da nord a sud. Pochi i biglietti rimasti e tanti i sold out, a conferma che il re del rock made in Italy è sempre e solo il mitico Blasco.